Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Antonio Cornacchia Studio Creativo

  • Copertina del diario

T SHIRT

 

Tempo fa avevo proposto all'arte-terapeuta Valentina Selini di provare a realizzare una font (o un font, se preferite) con la collaborazione dei partecipanti ad uno dei suoi corsi. È così che gli utenti della Cooperativa sociale L'Iride di Monza (adulti con disabilità) hanno provveduto a scrivere ciascuno un intero alfabeto, ovviamente ognuno con la propria calligrafia. Sono i fogli che vedete in alto.

Da questi abbiamo selezionato i singoli glifi senza rincorrere alcuna coerenza formale, perché il proposito è stato quello di fare una font collettiva, in cui tutti i "ragazzi" potessero riconoscersi. È questo il motivo per cui alcuni simboli sono in stampatello e alcuni sono in corsivo, alcuni in maiuscolo e alcuni in minuscolo. Una volta assemblato un insieme basico di lettere, numeri e punteggiatura ho provveduto a trasformarlo in una font vera e propria, ovvero in un file da installare sul computer così da poterlo usare in qualsiasi software (Word, Photoshop eccetera). Per il momento è una versione Beta, ovvero una versione di prova: incompleta seppur funzionante. Con il tempo proveremo ad arricchire la famiglia con altri simboli e, chissà, con quelle caratteristiche (spaziatura, legatura, alternative...) che ne farebbero una font completa.

Il suo utilizzo è al momento riservato all'Iride, col tempo magari riusciremo a rilasciarlo per l'utilizzo libero da parte di chiunque. È un lavoro aperto insomma.

 

iride font glifi

 

Nell'aprile del 1994 usciva il primo numero di Carta Libera. Sulla prima pagina riportava il numero e all'interno un colophon molto particolare con una direzione a cinque: Nicola Centoducati, Enzo Colonna, Gianfranco Loiudice, Mino Vicenti e Antonio Cornacchia. Venti pagine scritte per lo più da ventenni e trentenni (ma nelle settimane successive si aggregarono anche studenti delle superiori). 

Qui si può scaricare il Pdf di quel debutto. Forse col tempo ne metteremo online altri, con pazienza.

 

carta libera 01 1